Recensione Pokémon Sole e Pokémon Luna

0
banner_sole_luna_pokemontimes-it

Li abbiamo visti prendere forma nel corso dei mesi, li abbiamo attesi e desiderati, Pokémon Sole e Luna sono finalmente realtà e da qualche settimana tantissimi giocatori si stanno cimentando nell’affrontare le sfide proposte dalla regione di Alola, teatro dei due giochi di settima generazione.

Alola, crocevia di colori

Dopo aver esplorato la regione di Hoenn nei recenti Rubino Omega e Zaffiro Alpha il rischio di ripetitività era dietro l’angolo, Game Freak invece ci ha lasciati tutti senza parole. Il sistema delle isole è fresco e non noioso, ogni isola che compone Alola è piena di elementi naturali che la contraddistinguono. Se sull’isola di Poni ci ritroviamo ad esplorare l’impervio Canyon, ad Ula Ula l’esplorazione si sposta su un vulcano. Se l’esplorazione sia stata limitata per via del Pokédex Rotom che ci dava indicazioni su cosa fare? Assolutamente no! Il “Rotomdex” offre un modo per esplorare la regione linearmente, senza rischiare di raggiungere luoghi relativi ad altri momenti di gioco; alla fine della storia principale le zone inesplorate sono davvero poche e possiamo esplorarle con tutta calma.

illustrazione_regione_alola_sole_luna_pokemontimes-it

Aiutati che Cosmog ti aiuta!

La trama di Sole e Luna abbraccia alcuni argomenti rimasti alquanto “tabù” nei precedenti giochi Pokémon. L’intera trama dei due nuovi capitoli ruota attorno a degli intrighi famigliari drammatici. Un madre ossessionata da loschi scopi che perde l’amore per i figli, salvo ravvedersi sul finale; non è forse una rappresentazione della famiglia tradizionale? Spesso molti genitori non dedicano troppo tempo ai figli a causa di impegni lavorativi, la stessa situazione è vissuta da Iridio e Lylia con la loro madre Samina. Forse la divina provvidenza non esiste in Sole e Luna, esistono solo impegno e volontà che vengono impersonificati appunto da Lylia ed Iridio. Due ragazzi che si mettono in gioco e si ribellano alla madre per il suo bene. Il protagonista diventerà un punto cardine all’interno delle vicende di questa famiglia e, grazie alla sua motivazione, sarà in grado di cambiare anche Lylia. Dapprima indifesa ed intimorita, la ragazza diventa pronta e coraggiosa. A testimoniarlo è il suo cambio di look a metà gioco, che sta ad accentuare la svolta del personaggio.

lylia_demo_sole_luna_pokemontimes-it sole_luna_screen04_pokemontimes-it

L’unico amaro in bocca? La trama che si conclude in modo drastico. Forse sarebbe stato meglio dare un finale più esplicativo, ma chissà che un ipotetico terzo gioco di settima generazione non possa approfondire i dettagli relativi alla trama di Sole e Luna!

Una Z di troppo

Il gameplay è completamente stravolto in positivo: l’introduzione del giro delle isole fa prendere una boccata d’aria fresca a tutti i fan storici della serie. Dimenticheremo mai il montanaro e il Salazzle della prova di Kawe? Ovviamente no! Dimenticheremo mai le reclute del Team Skull che nella loro ingenuità ci hanno fatto sbellicare? Certo che no! Insomma, la sostituzione delle Palestre è stata una trovata geniale. Inoltre i personaggi che girano attorno alle vicende dei due giochi sono caratterizzati divinamente.

sole_luna_screen13_pokemontimes-it sole_luna_screen07_pokemontimes-it
sole_luna_screen12_pokemontimes-it mossa_z_iperscarica_furiosa_pokemontimes-it

La domanda che ci poniamo ad oggi è relativa alle mosse Z. Perché introdurle senza approfondirle? In X e Y siamo stati avvicinati alle Megaevoluzioni gradualmente, per poi usare il loro potenziale nella Torre Maestra di Yantaropoli. Invece in Sole e Luna possiamo cominciare ad usare le Mosse Z già dalle prime battute di gioco e ci vengono presentate come Mosse misteriose di cui c’è ancora molto da scoprire.

Ne scopriremo di più prossimamente? Si spera!

Guarda che cutscene!

Le cutscene sono uno degli elementi grafici più coinvolgenti del gioco, riescono a dare un tocco di eleganza ed epicità in più alla scene con più pepe della trama. Soundtrack eccelse, come per ogni gioco Pokémon d’altronde. Unico neo è il lag nelle Lotte in Doppio/Multiple, ma è perdonabile visto che è dovuto all’uso massimo delle capacità di una consolle Nintendo 3DS.

uc02_espansione_vs_tapu_koko_pokemontimes-it uc02_bellezza_vs_tapu_koko_pokemontimes-it

Pokémon Sole e Luna: una rivoluzione vincente!

 

Invia la tua reazione! reazioni
Scegli la tua reazione per questo articolo
1
PANORAMICA RECENSIONE
Trama
9
Gameplay
8
Grafica
9
Sonoro
9
Giocabilità
9
Longevità
8
CONDIVIDI
Articolo precedentePokémon Serie Sole e Luna: ecco un epico trailer in italiano ed il logo della serie!
Articolo successivoRilasciati quattro nuovi macchinari Pokémon su Nintendo Badge Arcade!
Spixon si appasiona al mondo Pokémon guardando alcuni episodi della serie animata in tv. La sua avventura con i videogiochi inizia con Pokémon Oro Heartgold e da allora non farà più a meno dei successivi videogiochi Pokémon. Entra su Pokémon Times a marzo 2014.