Pokémon X e Y: ben tre anni e mezzo di lavoro!

11
Pokemon_X-e-Y_demo_pokemontimes-it

In queste vacanze senza l’ombra di novità ufficiali… ci pensa Pokémon Times a portarvi – oltre alle nostre novità esclusive – qualche curiosità su Pokémon X e Y provenienti direttamente Junichi Masuda. Il direttore di questi discussi titoli ci rivela che sono stati impiegati ben tre anni e mezzo per la loro lavorazione! Questa ed altre curiosità negli estratti di interviste che vi portiamo a seguire…

I concetti di base sono: “Bellezza”, “Legame” ed “Evoluzione” (ci era già stato rivelato in questa intervista);

Il gioco è stato creato con l’intento che ‘i giocatori crescessero i loro Pokémon con amore‘, tuttavia c’è un tema ancora più grande dell’amicizia, quello che penso tutte le volte che creo un gioco Pokémon, oltre ad applicarsi di più al mondo reale “Creiamo un mondo migliore insieme“.

Le lettere X e Y provengono da questa idea: X e Y sono le lettere che rappresentano le linee in un asse. Le linee sono in direzioni diverse ma c’è sempre un punto in cui si intersecano. Ho usato le lettere con l’idea di intersezione in mente; l’idea dei punti comuni che condividiamo l’un l’altro, piuttosto che le nostre differenze.

Ci sono voluti 3 anni e mezzo per sviluppare questi giochi, tenendo conto dei gruppi di traduzioni di ogni lingua, più di 500 persone sono state coinvolte nello sviluppo.

GameFreak ha 85 dipendenti, ciò significa oltre 400 altri membri dello staff sono stati coinvolti da Nintendo, The Pokémon Company international e altre aziende.

Alla luce di queste curiosità, vi lasciamo dire la vostra!

Avvertenze: Pokémon Times è contro le guerre tra siti e cita le fonti delle notizie. Preghiamo chiunque voglia riportare parzialmente o integralmente questa news, le proprie traduzioni e i propri dettagli, di indicare PokemonTimes.it come fonte per evitare qualunque tipo di dissidi e garantire al Pokéweb di rimanere sereno e vivibile. Grazie!

11 COMMENTI

  1. Si sapeva già che Game Freak aveva la possibilità di sviluppare su 3DS oltre quando il 3DS era appena uscito. C’era molta gente che si lamentava che facessero giochi per DS (BW, B2W2) anziché per 3DS, ma era chiaro stessero sviluppando la sesta generazione contemporaneamente alla quinta. La quinta non dovrebbe aver chiesto poi così tanto impegno.