Pokémon Times intervista Emanuela Pacotto: ci sono anche le vostre domande!

11

Ve lo avevamo promesso, e avevamo anche organizzato un concorso per farle le vostre domande che ha ricevuto tantissima partecipazione: abbiamo avuto la possibilità di intervistare la mitica Emanuela Pacotto, voce della nostra amata Jessie oltre che di tantissimi altri personaggi importanti di anime e cartoni, come Nami da One Piece, Sakura da Naruto, Bulma da Dragon Ball, Twilight da My Little Pony, Rina da Slayers, e potremmo continuare l’elenco fino a riempirci intere sezioni. L’attesa è finita: Emanuela ha risposto a tutte le nostre domande, e anche di più – gliene abbiamo fatte anche 3 scelte tra tutte quelle che voi avevate proposto!

Di seguito ecco l’intervista completa: Emanuela ha risposto con la sua solita incontenibile carica ed energia ai nostri e vostri quesiti. Quella che ci ha fatto è una grandissima gentilezza, quindi mi raccomando, se riportate l’intervista ricordate di citare la fonte!

 

– INTERVISTA DI POKÉMON TIMES AD EMANUELA PACOTTO –

 

Pokémon Times: Ciao Emanuela, e benvenuta su Pokémon Times! Queste sono le nostre domande e quelle degli utenti che ci hanno seguito e hanno partecipato al concorso, sei pronta a rispondere?

Emanuela: Ciao ragazzi! Eccomi qui finalmente! Lo so è passato un sacco di tempo da quando mi avete mandato le domande ma sapete, sono un po’ come Jessie, una ne faccio-cento ne penso e alla fine non trovo più il tempo per fare niente! Ma come il nostro inimitabile-fantasmagorico Team Rocket ricompaio quando meno te lo aspetti con spaziali effetti speciali! TA-DA!!!
Siamo pronti??? SI PARTE!!!

 

 

Pokémon Times: Hai cominciato a doppiare Jessie nel lontano 1999. Avresti mai pensato che la serie durasse così a lungo, e quindi di continuare a svolgere quello stesso ruolo addirittura per quindici anni?

Emanuela: No, io no, non avrei mai potuto immaginarlo e secondo me anche l’autore non si capacita ancora dell’incredibile successo. I Pokémon hanno fatto scuola. Ne hanno straparlato, sparlato li hanno bistrattati, imitati ma sicuramente hanno segnato un’epoca! Sono stati i primi e resteranno i “Primi”!

 

Pokémon Times: Come abbiamo appena detto, il ruolo di Jessie ti accompagna a dir poco da un’eternità! In che modo Emanuela ha influenzato il personaggio col suo modo di fare e le sue cadenze, e in che modo Jessie ha modellato il lavoro di Emanuela col suo carattere così forte?

Emanuela: Ah Jessie! La sua follia, il suo narcisismo, la sua passione per il travestimento. La amo per questo perché mi ha permesso di dare sfogo a tutta la mia follia e alla mia creatività divertendomi come una matta. Per ogni “travestimento” di Jessie e James, abbiamo cercato di trovare caratterizzazioni differenti e considerando le cose che combinano, abbiamo potuto dar sfogo alla nostra creatività artistica.
A volte abbiamo lavorato sulla colonna giapponese e altre volte sul doppiaggio americano, molto diversi fra loro. Quindi non avendo un’unica colonna internazionale di riferimento, abbiamo messo molto del nostro gusto prettamente italiano per renderli un po’ “due di famiglia”!
Nel contempo, non direi che “la signorina” abbia modellato il mio lavoro perché in quanto a carattere forte… anch’io ho la testa bella dura!

 

Pokémon Times: Pokémon è una serie tanto lunga quanto piena di personaggi: hai mai desiderato doppiare una delle ragazze protagoniste (Misty, Vera, Lucinda, Iris e la più recente Serena)?

Emanuela: Nooooooooooooooooooooo!!!!!!!!!!!!!!!!!! Assolutamente no.
Di personaggi di anime ne ho doppiati parecchi ma Jessie è decisamente “unica” nel suo genere. Ce ne sono tante di ragazzine più o meno giovani, più o meno timide ma Jessie è fuori dagli schemi.
E quando mi ricapita un personaggio così?
Diciamocelo poi… Misty… Vera… Lucinda… sono arrivate e passate… mentre Jessie è sopravvissuta a tutte le stagioni!

 

Pokémon Times: In molti ricordiamo che, anni fa, si usava anche doppiare alcune scene in gruppo (ricordiamo lo speciale sull’anniversario dei Pokémon, in cui comparivi assieme al resto del Team Rocket in sala di doppiaggio), ma ora questa abitudine sembra scomparsa. Capita ancora di doppiare in gruppo, magari proprio per le scene del Team Rocket assieme a Simone d’Andrea e Pietro Ubaldi? E com’era vivere queste sessioni così particolari?

Emanuela: È vero, i tempi sono cambiati e le esigenze sono cambiate. Adesso è richiesto che ogni personaggio venga registrato su una colonna diversa in modo da avere tutte le tracce separate ma capita ancora spessissimo di essere in sala con Simone e Pietro. La differenza è che vediamo la scena tutti insieme ma poi la doppiamo uno per volta. Comunque dei turni insieme a Simone e Giuseppe Calvetti prima e Pietro Ubaldi dopo, ricordo un gran divertimento! Più di una volta è capitato di sentirci così ridicoli che siamo scoppiati tutti a ridere, direttore compreso.

 

Pokémon Times: Meowth ha cambiato doppiatore nel corso degli anni, ma Jessie e James no. Tu e Simone d’Andrea lavorate quindi sugli stessi e inseparabili compagni di viaggio da moltissimo tempo: che rapporto c’è tra di voi?

Emanuela: Lavoro con Simone da un sacco di anni e non solo per i Pokémon. È un compagno d’avventura fantastico. E soprattutto con Jessie e James si è creata un’intesa perfetta. Ognuno sa che può inventarsi la cosa più strana perché l’altro lo seguirà intonandosi al volo. Insieme ci siamo divertiti un sacco.

 

Pokémon Times: I fan dei Pokémon ricordano un caso singolare, quello del film del 2003 “Jirachi Wishmaker” (il 6°), uscito in Italia solo nel 2012. Un film doppiato dalla stessa casa, quello di Deoxys (il 7°), era stato rilasciato (e quindi doppiato) già molti anni prima: sai scioglierci il dubbio ricordando quando avete doppiato quello di Jirachi?

Emanuela: Aiutooooooooooooooooooo. Non ne ho la più pallida idea… ma mi sa che non sia l’unico caso di “wanted” in cui episodi o film doppiati si sono persi chissà dove…

 

Pokémon Times: Quando guardiamo gli episodi giapponesi e incappiamo in alcune scene divertenti, ci capita di pensare a quali possano essere le reazioni dei doppiatori quando se le trovano davanti e devono doppiarle. Ci viene in mente ad esempio una scena molto recente, in cui Jessie si traveste per metà da James e deve fare la “voce” di entrambi. Vi divertite di fronte a situazioni del genere, o cercate di rimanere “professionali”?

Emanuela: Scherzi??? Per divertire voi dobbiamo prima di tutto divertirci noi!!! Con professionalità ovviamente. Da sempre sostengo che quelli del Team Rocket non sono “i cattivi”…. sono “stupidi”! Fanno delle cose talmente assurde che non puoi rimanere serio! E credo sia questo il segreto per cui dopo 15 anni ancora non mi annoi a doppiare Jessie.

 

Pokémon Times: Abbiamo un’intera community in grandissima attesa per la nuova saga Pokémon XY! Com’è stato doppiare i primi due episodi già in estate, in occasione dell’anteprima? C’era qualcosa di diverso dai normali doppiaggi “in orario”? E soprattutto, puoi dirci qualcosa sullo status del doppiaggio della nuova stagione?
(Nota: questa domanda è stata posta prima che XY cominciasse su Disney XD e K2!)

Emanuela: E’ sempre un po’strano doppiare i primi episodi della nuova serie quando ancora non è finita quella precedente ma ormai sta diventando una consuetudine. La localizzazione viene fatta in contemporanea per tutta l’Europa e l’anticipazione dei primi episodi del nuova stagione credo sia dettata da esigenze commerciali. Lancio del nuovo videogioco e gadget annessi. Di diverso c’era (e ve ne accorgerete presto), che il Team Rocket è tornato a farsi vedere!!!
C’è ben poco da dire sullo “status del doppiaggio”, è ovvio che è iniziato, la messa in onda della nuova serie è prevista per la fine di aprile dico bene? Uno splendido regalo di Pasqua! Purtroppo però non posso anticiparvi nulla. Da quando i Pokémon non sono più su Mediaset siamo sotto il controllo diretto di Pokémon International e la parola d’ordine è ”tutto top secret”. Le puntate ci arrivano a blocchi di 5-6 episodi, man mano che vanno in onda e siamo “gentilmente invitati” a non rilasciare nessun genere di informazione. E’ capitato anche che ci fosse una persona esterna ad assistere alla quale è stato garbatamente chiesto di allontanarsi dalla sala mentre noi che doppiavamo i Pokémon ci siamo dovuti chiudere dentro!!!

 

Pokémon Times: Finiamo con una domanda più personale! Negli anni più recenti hai cominciato ad essere una specie di “idol” italiana, cantando e interpretando sigle giapponesi sul palco, ed è piaciuto praticamente a tutti i tuoi fan. Com’è nata l’idea di interpretare questo nuovo ruolo, portandolo anche in Italia, dove di fatto non c’era questa abitudine?

Emanuela: Prima di tutto il mio amore per il Giappone è dichiarato e infatti ci sono stata ben due volte. Poi trovo che le sigle originali siano veramente spettacolari e lo stimolo per cantarle, vien da sé…
Certo, non parlando il giapponese non è stata proprio una “passeggiata”, ma la sfida mi piaceva molto e quando c’è la passione…
Il progetto iDOL è nato da un idea del team AMBITION (che ama la creatività e sperimenta sempre cose nuove), che si è inventato un format che coniuga questo tipo di spettacolo prettamente giapponese con la mia specificità di doppiatrice.
Poter condividere questa emozione durante l’esibizione a Lucca Comics con i tanti amici appassionati è stata un’avventura davvero indimenticabile!!!

 

Pokémon Times: le nostre domande sono finite, ma l’intervista no! I nostri utenti hanno partecipato numerosi al concorso per farti le loro, e ne abbiamo ricevute tante splendide. Abbiamo scelto le tre più interessanti e che non chiedessero cose già chieste da noi. Eccole qua!

 

Veraforever: Ti piacerebbe che tra Jessie e James ci fosse qualcosa di tenero?

Emanuela: Ma… può essere che qualche ragazzo mi abbia scritto anticipandomi che Jessie e James “si sono baciati”??? È uno scherzo, vero? Dai non è possibile! Sono amici e basta. Amici… Jessie non perde mai occasione di maltrattare il povero James! E poi, detto fra noi, James a volte ha sfoggiato atteggiamenti…. un po’ femminili per far pensare di poter essere interessato a Jessie!

 

Zemmy: Ti senti unita al mondo dei Pokémon, pensi di far parte di questa grande “famiglia”?

Emanuela: In realtà come membro del Team Rocket ho poco a che fare con la “grande famiglia” dei Pokémon! Infatti in 17 serie non ne ho visti molti di Pokémon e per lo più ho preso delle grandi scosse!! Direi che più parte di una “famiglia” il Team Rocket sembrano 3 orfanelli. Però non potrei immaginare di non poter più recitare il loro fantastico motto… Ci rimarrei molto ma molto ma molto male…

 

Diego55: Oltre a fare la doppiatrice, hai mai pensato di fare la direttrice del doppiaggio?

Emanuela: Dopo tanti anni passati davanti al microfono ti confesso che comincia a venirmi la voglia di sedermi dall’altra parte per poter trasmettere alle nuove generazioni tutto quello che ho imparato. Le occasioni ci sono state ma non è ancora il momento. Anche perché se cominciassi a fare direzione temo che non avrei più tempo sufficiente per il doppiaggio.

 

Pokémon Times: Questo è tutto, la nostra community ti ringrazia di nuovo, sono stati tutti entusiasti per l’idea di parlare direttamente con Jessie! Ti auguriamo buon lavoro e speriamo di riaverti presto con noi!

Emanuela: Grazie a voi ragazzi che mi seguite sempre con grande entusiasmo. Le avventure dei Pokémon continuano, ma seguitemi anche nelle mie nuove avventure. E’ nato Vanguard Studios, un Multimedia Hub che speriamo realizzerà tanti progetti e tanti sogni. Anch’io faccio parte di questa nuova realtà. Aiutateci a crescere mettendo “like” sulla nostra pagina Facebook!
E correte a iscrivervi tutti al mio canale YouTube. Arriverano presto tante sorprese!

^.-

 

Per leggere altre interviste realizzate da Pokémon Times e non solo, visitate le news all’interno di QUESTO LINK! Grazie a tutti e a presto per nuove interviste!

11 COMMENTI