Campionati nazionali Pokémon 2013: il reportage!

20
campionati_nazionali_pokemon_2013_mediolanum_assago_pokemontimes-it

MILANO, 11 – 12 MAGGIO 2013. Quando accorrono in migliaia ad un evento, sai che non si tratta di una situazione di nicchia o occasionale; quando li vedi andare ai Campionati Nazionali di Pokémon, capisci senza margine di errore l’immensa popolarità di questo brand nel nostro paese. Si tengono ogni anno, ma ogni volta è più pieno, affollato, ricco di vita; di ragazzi giovani e tanti altri meno giovani che si divertono scambiando, lottando, battendosi a colpi di carte o di Nintendo DS, felici per un “brutto colpo” o delusi perché mancano le carte Energia per attaccare. Due giorni di sfide intense a cui assiste per la prima volta lo staff di Pokémon Times. L’evento è diviso in due principali categorie, quella del GCC (Gioco di Carte Collezionabili) e quella del Videogioco, ma l’incontro va ben oltre le battaglie e le competizioni che impegneranno i più bravi appassionati della nostra nazione (e non solo). È in primis un’occasione d’incontro con compagni – e nemici – nonché con sconosciuti; per caso o per destino possono nascere grandi amicizie, perché questo è il principio che Pokémon ci insegna ogni giorno. Lealtà, passione, impegno, e sopra di tutto l’amicizia che arriva ad unire ogni appassionato.
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_sala_pokemontimes-itL’esterno è ammirevole, ma ancor più il colpo d’occhio all’interno del Mediolanum Forum è subito imponente; l’ambiente è arredato a festa con immensi cartelloni e pilastri interamente decorati di Pokémon leggendari, di ogni genere. Gli spazi ampi della location lombarda permettono a tutti i concorrenti di poter osservare nuovi orizzonti nel vero senso della parola, e di sentirsi per un attimo un po’ come i protagonisti della serie animata; già, come uno di quei momenti poetici e teatrali in cui, prima di un’importante competizione, senti il vento soffiarti in volto, vedi lo stadio in lontananza, e ti stringi forte ai tuoi amici mostriciattoli colorati in vista della battaglia decisiva. Potete anche dire che sono solo carte stampate o pixel in un videogioco: hanno un’anima, ve lo confermeranno tutti; sarà la volontà del Pokémon che è nel gioco o nella carta a decidere se la mossa andrà a segno o se la pescata sarà quella fortunata. E allora tutti pronti per il grande torneo, l’unico passo che può condurti in America a vivere davvero un sogno nei Campionati Mondiali. Certo, prima di iniziare potresti volere una foto con un Oshawott, Tepig e Snivy in versione XL! Naturale che ci siano anche loro, anche se la speranza è sempre che Tepig, di punto in bianco, si metta a ballare…
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_tepig_snivy_oshawott_pokemontimes-it
Il percorso attraverso le mille sfide comincia. Comincia coi partecipanti ai tornei del GCC, quelli che più possono divertirsi a cercare carte dalla rarità particolare e “studiare” la notte prima, seduti sul pavimento, di fronte al loro mazzo sparpagliato in cui devono decidere chi far fuori e chi includere. Questione di dettagli! Il torneo cartaceo è riservato agli italiani, quindi vedremo solo loro nelle classifiche. Tre diversi raggruppamenti in base all’età, per non svantaggiare nessuna fascia facendola trovare contro persone che potrebbero avere più “capacità strategiche”: Junior, Senior, e Master. Questi ultimi sono i nati nel 1997 o prima, quindi indicativamente dai 16 anni in su; hanno partecipato alla competizione Master in 95, divisi la mattina di sabato 11 in 7 turni di qualificazione “alla svizzera”. Non prendete il tutto poco sul serio, le regole sono rigide e precise: bisogna presentarsi in orario, iscriversi entro le 10:00 del mattino di sabato, compilare la lista di carte del proprio mazzo e prendere correttamente posto, pena la squalifica. Ci sono stati alcuni ritardi ma ben presto il tutto ha avuto il via sotto il controllo di giudici selezionati, e sempre nel massimo rispetto delle regole. Stesse regole in vigore per i Senior (nati tra il 1998 e il 2001), che erano in 34 divisi in 6 turni svizzeri, e Junior (nati dal 2002 in poi), accorsi in 25 e smistati in 5 turni svizzeri. Chi si qualifica potrà tornare il giorno dopo, alle ore 9:00, pronto per la fase più emozionante, quella degli scontri diretti, ad eliminazione istantanea.
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_turni_svizzera1_pokemontimes-it
E così, la domenica, si disputano le sfide 1 contro 1 ad eliminazione diretta, al meglio delle 3: chi ne vince due prosegue il viaggio, l’altro va a casa! I ritardatari potrebbero vedersi assegnata una sconfitta a tavolino, quindi attenzione, per chi vorrà partecipare in futuro. In questa giornata giocano i qualificati del giorno precedente: i primi 16 per i Senior, 8 per i Master, e 4 per gli Junior. In palio non c’è solo la gloria o il divertimento, ma anche premi ricchissimi! I migliori 2 di ogni categoria, infatti, saranno ricompensati addirittura con il viaggio premio alle finali dei campionati mondiali, previste in estate a Vancouver, Canada; parliamo ovviamente di un viaggio spesato e di una competizione di grandissimo valore. Il sogno di tutti, diventare un vero Maestro Pokémon e mostrarlo al mondo intero! Per i fortunati vincitori anche un box da 72 bustine, tanti Championship Points per le stagioni dei tornei Pokémon, oltre che un mare di gadget. Anche chi ha perso un po’ prima non andrà a casa a mani vuote: ricevono 36 buste coloro che sono arrivati al massimo all’8° posto, 18 i rientranti nel 16° posto, 9 quelli entro il 32°. Ai primi 4, tra il resto, anche il DVD dell’ultimo film Pokémon: Kyurem e il Solenne Spadaccino.
 
Così come ci sono stati dei partecipanti, ci siamo ritrovati anche dei vincitori! Nella categoria Master sono stati:
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_turni_svizzera2_pokemontimes-it
1° Alessandro Cremascoli
(vincitore anche nel 2011);
 
2° Manuele Tartaglia;
 
A questi due, oltre che i complimenti, vanno i nostri più sinceri auguri per i Campionati Mondiali 2013, in cui rappresenteranno la nostra nazione. Augurando loro di renderci ancor più fieri.
 
3° Filippo Colomorea;
 
4° Fabrizio Cremascoli.
 
Fra uno sguardo e l’altro all’imponenza del numero di tavoli, giocatori, carte in gioco, premi in palio, esultanze e disperazioni di chi gareggia, ci accorgiamo che anche le altre due categorie hanno dei partecipanti in trionfo!
Tra i Senior vince Marco Spataro. Tra gli Junior, può festeggiare Davide Colaianni. Anche a loro, affidiamo la speranza di poter brillare a Vancouver questa estate.
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_mini-lega_pokemon_pokemontimes-it
I campionati nazionali, però, non sono solo questo. Prima di dedicare spazio al torneo del videogame, forse quello più atteso, ricordiamo l’esistenza di eventi paralleli, che permettevano a tutti di avere spazio e divertirsi. Ad esempio, a chi avesse partecipato il sabato al torneo del GCC senza però qualificarsi per la domenica, era riservata una Lega Pokémon speciale: attraverso tante piccole sfide, i ragazzi in gara poteva estrarre a sorte da un gruppo di carte coperte, cercando con tanta fortuna di beccare quella che dava diritto al premio migliore! In palio carte promo, JUMBO (edizioni giganti), raccoglitori, playmat (tappetini per giocare), buste di espansione e bustine protettive (comunemente dette sleeves). Anche alla fine di questa stessa Lega (ricordiamo che se ne tengono tutte le settimane in moltissime città italiane), per i vincitori nuovi box di bustine e addirittura il nuovo gioco di Mystery Dungeon e un Nintendo Wii (per il 1° posto), poi un 3DS (per 2° e 3°), e il DVD già menzionato del nuovo film (per tutti e 3). Fino all’incirca al 20° posto, bustine per tutti.
Questo appuntamento speciale è stato vinto da Mauro Spanò (il nostro Maurogerrard!), che si è quindi aggiudicato il primo premio.
Allestito anche uno spazio apposito per il lancio del già menzionato videogioco per Nintendo 3DS: Pokémon Mystery Dungeon – I Portali sull’infinito, che peraltro vedrete recensito qui su Pokémon Times tra breve! I presenti potevano anche scaricare sul proprio gioco per DS uno speciale Metagross Shiny; insomma premi e regali per tutti, nessuno escluso. Venire al nazionale ti fa tornare a casa indubbiamente con le tasche piene.
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_finali_pokemontimes-it
Il torneo del videogioco è, se possibile, ancora più emozionante. Le strategie possibili su queste piattaforme sono ormai innumerevoli, e ogni giocatore deve saper stupire con le proprie per vincere. Anche qui tre divisioni per età, come quelle già descritte, Master, Senior e Junior. In questo campo più che un nazionale era un internazionale, poiché erano ammessi anche partecipanti non italiani: l’affluenza di stranieri è stata abbondante, con particolare concentrazione di spagnoli e tedeschi. Come nel GCC, due le fasi di gioco: dapprima turni alla svizzera con più lotte, e poi da questi vengono fuori i 16 migliori che si scontrano uno contro uno ad eliminazione diretta (al meglio delle tre sfide). I premi sono addirittura più ricchi di quelli dei due tornei di carte.
 
Pensate un po’, il primo classificato ha ricevuto una console Nintendo Wii U Premium Pack da 32 GB e un Nintendo 3DS XL, tutti nuovi di zecca, oltre ad un mare di punti torneo. Un 3DS XL anche per i classificati fino all’8° posto, ovviamente con meno punti torneo; il viaggio premio a Vancouver per i mondiali tocca ai primi 4. C’è da considerare che i campionati di videogiochi Pokémon erano aperti a chiunque, senza limitazioni e senza doversi essere qualificato in eventi precedenti, oltre che senza obbligo di residenza italiana. Difatti gli altri europei si sono dimostrati davvero bravi: solo 5 dei 16 finalisti Master erano tricolore, mentre le categorie Senior e Junior ne avevano 8 a testa. Le battaglie, proiettate sugli schermi del Forum Mediolanum, sono cominciate con grande passione!
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_premiazioni_pokemontimes-it
L’orgoglio italiano ha alla fine prevalso, in un emozionante finale, contro il forte giocatore tedesco: la divisione Master ha visto trionfare Matteo Gini, vincitore nel match decisivo contro Eloy Hahn. Gli altri 4 italiani che erano in gara tra i Master si sono purtroppo fermati prima della top 4, non qualificandosi per i mondiali. Al terzo posto Matthias, altro tedesco, mentre al quarto Jordi, spagnolo. Matteo non sarà però solo a Vancouver: uno dei suoi due fratelli, Nicola, si è piazzato terzo in categoria Senior, ottenendo il viaggio in Canada. Davanti a lui, al secondo posto, un altro italiano, Maskim Cannavo, anche lui quindi in lista per rappresentarci oltreoceano. Primo dei Senior il tedesco Anilcan Akos, e quarto Luca Pause, anch’egli proveniente dalla Germania. Solo di un soffio il terzo fratello Gini, Alberto, non ha seguito gli altri due ai campionati mondiali, sfiorando quindi una storica tripletta; è risultato 9° tra i Master. Ora tifiamo per i nostri campioni a Vancouver sperando che ancora una volta possano alzare la nostra bandiera al cielo – l’Italia ha avuto tantissimi ragazzi che hanno brillato, in passato.
 
 
campionati_nazionali_pokemon_2013_pokemontimes-it
Tra i festeggiamenti qualche rammarico, quello dei perdenti, che però si sono consolati con un mare di gadget, carte, videogiochi, Championship Points di qua e di là, probabilmente facendosi tanti nuovi amici e chissà, anche qualche rivale! Il terzultimo campionato nazionale Pokémon del mondo di questa stagione si è concluso, lasciando a chi aspira al viaggio in Canada ancora e solo qualche piccola speranza. Noi di Times per la prima volta c’eravamo in questo straordinario appuntamento, organizzato dall’ormai celebre Gedis Edizioni, distributore di grande affidabilità del gioco di carte collezionabili, in collaborazione con Nintendo, che ringraziamo dell’invito. È stata un’avventura straordinaria che auguriamo di vivere a tutti i Pokéfan come noi perché, anche senza contare i premi, l’aria che si respira è quella di una lega della serie animata o di una palestra del videogame. Sfide, vittorie, sconfitte, amicizie e rivalità, ma sempre nel segno della lealtà; appuntamenti come questo ci fanno chiudere gli occhi per un paio di giorni, facendoci credere per quarantotto ore che ci troviamo davvero nel mondo dei Pokémon.
 
Ed è merito di tutti gli appassionati se questo mondo prende davvero vita!
 

Per chi volesse vedere per intero la finale VGC, è disponibile il video completo!

IvanAipom93

20 COMMENTI

  1. Sapete, avete proprio ragione, quando io credevo che i pokemon nel Nintendo potessero sentirci, pensavo di essere pazza, ma le vostre parole mi hanno fatto ricredere, forse non sono proprio pazza, ma solo un po’ , xke ora so di non essere l unica che ci crede, che pensa che i pokemon nel suo gioco di pokemon nero abbiamo una piccola anima virtuale, e che riuscita ad affezionar si profondamente a questi”piccolini”.
    X esempio una volta, alla lega di unima, stavo sfidando l ultimo dei super 4, e a entrambi rimaneva solo un pokemon, il problema che il suo era molto forte e al massimo delle sue possibilità, il mio invece era il piccolo oshawott, che avendo scelto di non farlo evolvere, le sue statistiche erano molto più basse di quelle di un samurott al suo stesso livello: così dio circa 2 turni, il mio pokemon aveva la barra della vita già rossa, mentre quella del avversario era a mala pena a metà, con solo una mossa sarei potuta andare ko, invece oshawott ha schivato le mosse del avversario x ben 2 turni di seguito, e così grazie a lui abbiamo vinto la sfida e in seguito la lega di unima.
    So che qualcuno potrà dire che è stata solo fortuna, ma io credo, anzi sono sicura, che il piccolo oshawott abbia capito quanto era importante x me vincere quella sfida e così ha dato il massimo e ancora adesso glie ne sono grata…..:)

  2. Grandissimo Mauro Spanò che vince la MiniLega e torna a casa con :

    2 Box di Uragano Plasma
    Nintendo Wii
    Pokémon Mistery Dungeon : I portali sull’infinito (In Anteprima Nazionale)
    Dvd del film di Keldeo
    Scatola con raccoglitore e bustine di Esploratori delle Tenebre
    Box con statuetta e carta gigante di Victini e Keldeo
    Cappellino di Giratina

    😀

  3. io ci sarei voluta andare però se nn si possono usare pokèmon leggendari avrei perso subito pk i miei assi nella manica sn reshira e zecrom in nero e genesect e kyurem bianco in cianco2….perciò…. bella storia marty sarebbe bello che i pokèmon si smaterializzassero dal gioco….che bello il mondo dei pokèmon

  4. @diafelo1990: Di nuovo benvenuto, come diceva Sandra informiamo in tempo nell’homepage del sito. Per partecipare comunque a questi eventi bisogna prima accumulare punti partecipando ai tornei nelle leghe cittadine, cerca quella della tua città e se hai bisogno chiedi ^^